Organizzazione

Comune di Cervo, Servizio Festival
Salita al Castello, 15 – Tel 0183 406462 int. 5
www.cervofestival.com – festival@cervo.com
Direzione Tecnica – direttorefestival@cervo.com
Ufficio Stampa: Presscom – ufficiostampa@cervo.com

Direzione artistica

La Direzione Artistica del Festival è affidata ad una commissione di esperti che vaglia le numerose proposte pervenute e stabilisce il programma della manifestazione. La Commissione è formata dalla Sig.ra Alja Batthyany-Vegh, figlia del M° Sandor Vegh, direttrice artistica di alcuni Festival Europei e membro direttivo del Concorso Géza Anda di Zurigo, dal M° Arnulf Von Arnim, pianista eccelso di fama internazionale e direttore dell’Accademia Internazionale Estiva di Cervo, dal M° Pietro De Maria, pianista italiano di fama internazionale nonchè docente presso il Mozarteum di Salisburgo, dal M° Francesco Ottonello, percussionista, musicologo e direttore d’orchestra, da Stefano Delfino, giornalista di spettacolo e scrittore, dal dott. Walter Norzi, presidente di commissione per nomina del Sindaco del Comune di Cervo, e dal M° Michel Balatti, operatore culturale, project manager e musicista, che ricopre inoltre il ruolo di direttore tecnico del Festival. Completa la Commissione la dott.ssa Natalina Cha in rappresentanza del Comune di Cervo, Sindaco e legale rappresentante pro tepore dell’Ente, nonché consigliere comunale delegato al Festival.

Alja Batthyány-Végh proviene dall’Ungheria e ha trascorso la sua infanzia in Francia, Svizzera, Germania e Italia. Figlia del violinista, direttore d’orchestra e pedagogo Sándor Végh, è cresciuta in un ambiente artistico e musicale. Nella prima infanzia, ha cominciato a studiare il pianoforte all’età di dodici anni, ha frequentato l’Accademia di Musica di Basilea e poi, l’Accademia di Musica di Hannover nella classe di pianoforte del Prof. Karl Engel. Dopo la laurea ha superato gli esami di ammissione in pianoforte presso l’Università di Musica a Vienna, e di teatro al Max Reinhardt Seminar. Ha poi deciso di intraprendere la carriera di recitazione e ha continuato fino al 1971 nei teatri tedeschi quando si è fermata per esigenze di carattere familiare. Da allora in poi, si è dedicata in primo luogo l’educazione dei suoi tre figli. Durante questo periodo ha studiato storia della musica presso l’Università di Zurigo, ha completato i suoi studi di pianoforte e ha insegnato presso varie
istituzioni musicali a Zurigo.
Alla fiine degli anni 80 anni ha iniziato la sua attività management musicale. Nel corso della sua carriera Alja Batthyány-Végh è stata:
– membro del Consiglio direttivo del Festival Internazionale di Musica da Camera a Cervo (Italia);
– direttore artistico del Festival Internazionale di Musica nelle Azzorre (Portogallo).
– consulente artistico per il Festival Internazionale di Musica “East meets West” a Macau (Cina)
– membro del consiglio direttivo del Concorso pianistico internazionale Geza Anda di Zurigo;
– direttore artistico del Mozart dell’Accademia Internazionale di Praga e Cracovia;
– dal 2009 al 2011 direttore artistico dell’Esterházy String Quartet Festival di Eisenstadt;
– dal 2012 co-organizzatore dell’International Sándor Végh String Quartet Competition di Budapest
Nel 1993 ha fondato a Zurigo, l’agenzia Cadenza Concerto; Nel 1995, si trasferisce a Salisburgo.
Oltre a rappresentare molti noti artisti ed ensemble di tutto il mondo, si occupa anche di promozione e consulenza per giovani talenti promettenti. Cadenza Concerto mantiene contatti regolari con le più importanti festival internazionali e sale da concerto in Europa, Stati Uniti e Asia.

Arnulf von Arnim, nato nel 1947 ad Amburgo, ha studiato a Francoforte, Stoccarda e Parigi con Pierre Sancan. Ha frequentato masterclasses con Claudio Arrau e Wilhelm Kampff ed è risultato vincitore il 1 ° premio al concorso “Viotti” di Vercelli e al concorso “Maria Canals” di Barcellona. Arnulf von Arnim si è esibito come solista in tour in tutta Europa, Stati Uniti e Giappone con diverse orchestre.
Come camerista ha collaborato con Frank Peter Zimmermann, Ulf Hoelscher, Saschko Gawriloff, Vesselin Paraschkevov, Kurt Nikkanen, Kurt Guntner, Paul Rosenthal, David Geringas, Ivan Monighetti, Julius Berger, Ventseslav Nicolov, Rainer Moog, Jean Sulem, il Brodsky- Quartet e molti altri. Arnulf von Arnim è professore presso la Folkwang Hochschule di Essen, e professore ospite presso il Conservatorio Musashino di Tokio.
Inoltre è direttore artistico del concorso internazionale Schubert di Dortmund. Tiene masterclasses in Europa, Giappone e Stati Uniti ed è invitato spesso come membro di giuria in concorsi pianistici internazionali.

Pietro De Maria. Dopo aver vinto il Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1990, Pietro De Maria ha ricevuto il Primo Premio al Concorso Internazionale Dino Ciani di Milano (1990), al Géza Anda di Zurigo (1994).
Nel 1997 gli è stato assegnato il Premio Mendelssohn ad Amburgo. La sua intensa attività concertistica lo vede solista con prestigiose orchestre e con direttori quali Roberto Abbado, Gary Bertini, Myung-Whun Chung, Vladimir Fedoseyev, Daniele Gatti, Alan Gilbert, Eliahu Inbal, Marek Janowski, Ton Koopman, Michele Mariotti, Ingo Metzmacher, Gianandrea Noseda, Corrado Rovaris, Yutaka Sado, Sándor Végh.
Nato a Venezia nel 1967, De Maria ha iniziato lo studio del pianoforte con Giorgio Vianello e si è diplomato sotto la guida di Gino Gorini al Conservatorio della sua città, perfezionandosi successivamente con Maria Tipo al Conservatorio di Ginevra, dove ha conseguito nel 1988 il Premier Prix de Virtuosité con distinzione.
Il suo repertorio spazia da Bach a Ligeti ed è il primo pianista italiano ad aver eseguito pubblicamente l’integrale delle opere di Chopin in sei concerti. Recentemente ha realizzato un progetto bachiano, eseguendo i due libri del Clavicembalo ben temperato e le Variazioni Goldberg.
Ha registrato l’integrale delle opere di Chopin, il Clavicembalo ben temperato e le Variazioni Goldberg per DECCA, ricevendo importanti riconoscimenti dalla critica specializzata, tra cui Diapason, International Piano, MusicWeb-International e Pianiste. Ha inciso inoltre le tre Sonate op. 40 di Clementi per l’etichetta Naxos, un recital registrato dal vivo al Miami International Piano Festival per la VAI Audio, l’integrale delle opere di Beethoven per violoncello e pianoforte con Enrico Dindo per la Decca e un CD con opere di Fano per Brilliant Classics.
Pietro De Maria è Accademico di Santa Cecilia e insegna al Mozarteum di Salisburgo. È nel team di docenti del progetto La Scuola di Maria Tipo organizzato dall’Accademia di Musica di Pinerolo.

Francesco Ottonello, percussionista, direttore e musicologo, si è formato fra Milano e Torino, dove si è diplomato in composizione, strumentazione per banda e strumenti a percussione. Ha suonato in Italia (Teatro alla Scala, Teatro Carlo Felice, Orchestra Verdi di Milano, Europa Galante) e all’Estero (Komorní Opera Praha). Ha studiato direzione d’orchestra nei Conservatori di Praga e Liegi. Fra i direttori con cui ha suonato si ricordano: Riccardo Muti, Fabio Luisi, Daniel Baremboim, Gustavo Dudamel, Daniel Harding, Gianluigi Gelmetti, Shlomo Mintz. Stefano Delfino, giornalista de La Stampa, per quasi trent’anni responsabile della redazione di Imperia ed ora in congedo, Stefano Delfino, nato a New York nel 1947, è stato anche corrispondente della Rai per la provincia di Imperia. Continua comunque ancora oggi la collaborazione con La Stampa, per la quale, tra l’altro, dal 1999 ininterrottamente segue il Festival di Sanremo. Autore di vari libri di narrativa (tra questi: “Quel profumo di mandarini”, “Non soldi, ma cioccolato”, “Dundindei?”, “Quarti di luna”, “Era d’estate”), ha partecipato alla realizzazione di opere a più mani, come “Mete d’autore”, “Scanavino & C. La leggenda dei pittori di Calice Ligure” e “C’era (quasi) una volta in Liguria”, raccolta di favole liguri (2011), ed ha curato il volume biografico “Roberto Lucifredi: l’uomo, il docente, il politico”, uscito nel 2011. Da alcuni dei suoi racconti sono stati tratti anche spettacoli teatrali. Dal 2002 è Direttore Artistico del Festival Teatrale di Borgio Verezzi, alla cui organizzazione collabora dal 1973. Dal 2002 al 2013 ha curato anche tutte le stagioni teatrali invernali del Cinema Teatro comunale “Vittorio Gassman.” Grazie alla sua direzione artistica, il Festival verezzino ha ottenuto non solo record di incassi e presenze, ma anche diversi Premi locali e nazionali legati alla programmazione di successo. Nel 2003 ha collaborato con la Provincia di Imperia per la riapertura dello storico teatro Salvini di Pieve di Teco (1826) con gli spettacoli di Arnoldo Foà, Gianfranco Jannuzzo e Alessandro Preziosi. Negli anni 90, è stato promotore del Festival di Villa Faraldi (Imperia), poi diretto da Assemblea Teatro di Torino. Negli anni ’70,’80 e ’90, promotore di vari eventi di rilievo: La Palma d’oro – premio internazionale di musica classica per giovani (Finale Ligure); rassegna Teatro Giovane a Finale Ligure con Giulio Base; rassegna estiva ‘E le stelle stanno a guardare..’ di Apricale (Imperia), con il Teatro della Tosse di Genova. Presidente o membro di svariate commissioni di concorsi letterari e musicali liguri nonché di commissioni artistiche per l’affidamento in gestione di teatri liguri quali il Teatro Cavour di Imperia e il Teatro Comunale di Pietra Ligure. Nel 2003, a Imperia gli è stato assegnato per meriti culturali il Premio Parasio, e nel 2007 ha ricevuto il premio della Compagnia de l’Urivu, destinato a personalità della cultura ligure. Ha fatto parte del Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario del premio Nobel a Giosuè Carducci e del Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario del premio Nobel a Teodoro Moneta. Dal 1999 fa parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione Ligure dei Giornalisti, ed ha partecipato come delegato a quattro Congressi nazionali della Fnsi. Attualmente, sta lavorando a due nuovi romanzi, “Quei mandarini profumano ancora”, seguito ideale di “Quel profumo di mandarini”, e un romanzo giallo, ambientato durante il futuro 50° Festival di Borgio Verezzi e intitolato “L’ultima recensione”.

Michel Balatti si è diplomato in flauto con il massimo dei voti presso il Conservatorio “N. Paganini” di Genova. Si è perfezionato per il flauto con Glauco Cambursano, Maurizio Valentini e Giampaolo Pretto e per la musica da camera con Vincenzo Mariozzi e con Massimiliano Damerini.
Dal 1998 si dedica allo studio dei flauti traversi in legno a sistema semplice, con particolare attenzione per il repertorio della musica tradizionale irlandese e nord italiana. Nel corso della sua carriera si è esibito in Italia, Francia, Germania, Svizzera, Spagna, Regno Unito, Irlanda, Danimarca, Turchia, Belgio, Repubblica Ceca, Ungheria e Canada.
Dal 2000 fa parte dei Birkin Tree, il più importante gruppo italiano nell’ambito della musica tradizionale irlandese, ampiamente riconosciuto in tutta Europa. Con questa formazione negli anni si è esibito in oltre ottecento concerti in Italia e all’estero e ha inciso due cd, molto apprezzati dal pubblico e dalla stampa specializzata. Con la formazione dei Birkin Tree si ha collaborato con alcuni tra i più prestigiosi interpreti nel campo della musica tradizionale irlandese: Martin Hayes, Dennis Cahill, Niamh Parsons, Tola Custy, Cyril O’Donoghue, Dereck Hickey e con la leggendaria formazione dei Chieftains.
Dal 2005 fa inoltre parte del quintetto Liguriani, gruppo che si dedica alla riproposta della musica e dei canti legati alla tradizione Ligure e nord italiana, con cui ha inciso un album (Suoni dai Mondi Liguri, Felmay 2011) e con cui ha realizzato oltre duecento concerti, tra cui alcuni nei più prestigiosi festival europei (Celtic Connections Glasgow, Rudolstadt Folk Festival, Rheingau Folk Festival e altri). Ha inciso per Rai Radio 3, RTE e RTE Classic Irlanda, CBC Canada, RSI Svizzera, Bayerische Rundfunk, WDR Koln, HR2 DE. Nel 2003 e nel 2004 ha vissuto in Irlanda, dove ha avuto modo di avviare un profondo periodo di studio, avvalendosi degli insegnamenti di John Rynne, Cyril O’Donoghue, Kevin Ryan e Siobhan Peoples. Nell’estate del 2004 è entrato a far parte della formazione dell’organettista e compositore italiano Filippo Gambetta, con cui ha inciso un album e si è esibito in tournèe in Italia, Canada e Danimarca. Dal 2013 collabora con Vittorio Ghielmi, uno tra i più importanti musicisti attivi a livello internazionale nel campo della musica antica, già docente di viola da gamba presso il Mozarteum di Salisburgo, in un progetto dedicato al legame tra la musica tradizionale irlandese e scozzese ed il repertorio barocco. Con questo progetto si è esibito recentemente all’interno di Mito Settembre Musica ed. 2017.
Nel 2016 ha pubblicato il suo primo album solista “The Northern Breeze”, che ha riscosso unanimi consensi da parte della stampa specializzata nazionale e internazionale.
Da anni si occupa inoltre di progettazione, programmazione e amministrazione di eventi culturali, prima all’interno della Associazione Corelli di Savona e dal 2015 per il Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo.

Walter Norzi
Percorso professionale, dal 1982 al 2019:

  • laurea in Informatica;
  • da programmatore a dirigente su grandi progetti informatici per grandi aziende.
  • Percorso come operatore culturale:
    – organizzazione Concorso Mozart a Torino anno 2013;
    – organizzazione concerto al Lingotto di Torino per la giornata mondiale della cultura per la Cassa di Risparmio di Torino: 2014;
    – organizzazione concerto a Palazzo Reale di Torino in occasione dell’inaugurazione della mostra di Leonardo per la Cassa di Risparmio di Torino: 2015;
    – organizzazione Accademia Internazionale di musica da camera a Pasqua a Cervo: dal 2007 al 2016;
    – membro della Commissione artistica del Festival di Cervo: 2014-2015;
    – consigliere comunale delegato per il Festival di Cervo: dal 2015 al 2019;
    – presidente della Commissione artistica del Festival di Cervo: dal 2020, in corso